Coronavirus, soluzioni per mitigare i rischi della Supply Chain

Gli effetti dell’emergenza Coronavirus sono ormai visibili su scala globale. Il progressivo blocco delle catene di approvvigionamento, il ritardo nella distribuzione e la riduzione dei volumi prodotti impongono alla aziende misure rapide ed efficaci a tutela della sicurezza dei lavoratori e della produttività operativa.

Quali rischi per le catene di approvvigionamento?

La diffusione del Coronavirus richiede la necessità di migliorare il controllo dei processi sia upstream sia downstream della propria Supply Chain al fine di poter reagire prontamente agli scenari di emergenza che si presentano. Nell’attuale contesto, i team di approvvigionamento stanno svolgendo un ruolo chiave per ridurre al minimo l’impatto dell’interruzione delle forniture e assicurare la business continuity. Le aziende devono essere in grado di offrire una flessibilità sufficiente per proteggere le interruzioni future, supportando i propri clienti nella gestione dei rischi in maniera proattiva e resiliente. La tecnologia e le piattaforme collaborative rappresentano un valido supporto nel garantire la trasparenza end-to-end nella catena di approvvigionamento, la raccolta di dati in tempo reale, l’analisi dei dati raccolti e la simulazione di scenari alternativi.

Quali azioni ha messo a punto TESISQUARE®?

TESISQUARE® ha avviato un percorso condiviso con i propri clienti – Customer Advisory Board– per identificare e finalizzare soluzioni agili e pragmatiche volte a mitigare lo shock Coronavirus sulle supply chain estese in ottica “ONE PARTNER”. Grazie al supporto dei partner dell’ecosistema, ha messo a punto un set di servizi agili e standardizzati in modalità “plug ‘n Play”. Le soluzioni sono attivabili in tempi estremamente rapidi così da rendere agili le attività operative.

 

Scopri di più